Franchising della ristorazione: un’ottima idea imprenditoriale

aprire in franchising un negozio di prodotti tipici toscani
aprire in franchising un negozio di prodotti tipici toscani

Franchising della ristorazione: un’ottima idea imprenditoriale

Il settore della ristorazione è uno dei settori che va per la maggiore al giorno d’oggi. Nel 2018 gli Italiani hanno speso quasi 85 miliardi di euro per mangiare fuori casa, cifra spesa negli oltre n 13.600 locali presenti in tutta Italia. In media 80% degli italiani esce almeno una volta al mese a mangiare fuori. La fascia d’età che va dai 18 ai 35 anni è quella più incline a pranzare o a cenare fuori casa sopratutto nei fine settimana.

Durante la settimana la fa da padrone la pausa pranzo, con i vari impiegati, operai , agenti di commercio e tutti coloro che non riescono a tornare a casa per pranzare che riempiono i vari locali sparsi in tutta l’Italia. La maggior parte esce di casa per mangiare la pizza, ma regioni come la Toscana e la Sicilia e buona abitudine uscire per andare nelle trattorie o ristoranti. Al nord Italia funziona bene la cucina etnica scelta da circa un terzo di tutti coloro che escono per mangiare fuori casa.

La spesa media per mangiare al ristorante o in pizzeria è di circa 21 euro a testa, cifra che sale notevolmente se si scelgono localo stellati o menù a base di pesce.

Analizzando tutti questi dati emerge che il settore della ristorazione, sopratutto se sviluppato attraverso il franchising può portare grosse soddisfazioni. In numero dei franchisor che operano nel settore della ristorazione sono in continuo aumento il che significa che il settore è in fase di crescita. Nonostante i dati siano più che mai positivi, non bisogna farsi facili illusioni, aprire un franchising della ristorazione non è sinonimo di successo assicurato. Il settore che a molti può sembrare semplice in realtà non è affatto così. Moltissimi locali aprono e chiudono nei primi 5 anni di vita, sopratutto se avviati senza la giusta esperienza. Il franchising in questo è di aiuto, perché è l’azienda stessa ( franchisor) a fornire all’affiliato il know-how utile per rendere il più indolore possibile la fase dello start-up.

Come scegliere il giusto franchising della ristorazione:

La prima cosa in assoluto, se si desidera aprire un franchising della ristorazione, ma che vale per qualsiasi attività in franchising, è conoscere il franchising stesso. Conoscere i propri diritti, sapere cosa sono le royalties e la fee d’ingresso sono elementi importanti che vengono ancor prima della scelta del franchisor. Per questo consiglio il libro “ Come essere un affiliato felice e scegliere il giusto franchisor” che si può acquistare tramite Amazon al seguente link https://www.amazon.it/dp/1095299107

Una volta capito come funziona il franchising è opportuno valutare la storia dell’azienda, da quanti anni esiste, da quanti anni si occupa di franchising, quanti locali gestiscono e quanti ne hanno come affiliati. Importante e vedere quanti punti vendita sono stati aperti negli ultimi 5 anni e quanti ne sono stati chiusi. Altri dati importanti da tenere in considerazione sono la marginalità, ovvero quali sono i margini di guadagno, l’investimento da fare.

Molte sono le proposte nel settore della ristorazione:

  • pizzerie in franchising
  • take away in franchising
  • paninoteche in franchising
  • piadinerie in franchising
  • bar in franchising
  • enoteche in franchising
  • ecc…

Tra le varie proposte va segnalato il franchising di “Toscani al dente”.

Un format giovane, con un’ottima marginalità. Tutto è studiato nei minimi termini per permettere all’affiliato il più alto guadagno possibile. Il format prevede un take away di soli prodotti tipici toscani, rigorosamente prodotti da materie prime biologiche. Per maggiori informazioni compila il modulo qui sotto.

,,,,,,,,,,,,,,,,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *