Cos’è il Mes e come funziona

Cos’è il Mes e come funziona

cos'è il mes

Il Mes è attivo dal 2012 ma ha avuto un’impennata di popolarità in questo periodo legato al Covid-19. Infatti a seguito dell’emergenza Cornavirus è stato spesso al centro di dibattiti se sia utile o meno ad utilizzarlo come strumento per aiutare i paesi più compiti dalla pandemia.

La maggior parte degli italiani però non sa di preciso cosa sia e come funzioni.

Vediamo innanzitutto cosa è il Mes.

Cosa è il Mes

Il Mes è il meccanismo europeo di stabilità (european stability mechanism) o meglio noto come fondo salva Stati ed ha lo scopo di mantenere la stabilità economica nell’area euro. E’ nato dal vecchio fondo EFSF ( Fondo di salvataggio dei Paesi della zona euro) che emetteva Bond per raccogliere denaro da prestare poi ai paesi in difficoltà. L’EFSF che aveva sede a Lussemburgo ha smesso di essere attivo nel 2013, poco dopo la nascita del MES.

Quest’ultimo è una organizzazione intergovernativa creata per dare assistenza finanziaria ai paesi europei che rischiano di fallire. L’organizzazione raccoglie fondi tra i stati membri non in difficoltà e li mette a disposizione di quei Stati che stanno rischiando il collasso finanziario. Questo meccanismo è già intervenuto in sostegno del Portogallo, di Cipro, dell’Irlanda e della Grecia.

Gli Stati che accettano gli aiuti dal Mes devono sottostare a condizioni piuttosto rigide.

Chi riceve gli aiuti finanziari si impegna ad approvare un memorandum d’intesa (MoU) dove vengono definite tutte le misure, come tagli al deficit o al debito e riforma atte a permettere allo Stato in questione di rientrare da deficit.

A causa delle difficoltà finanziarie che si sono ritrovati molti Stati a causa del Coronvirus , è stato deciso, che si potrà accedere agli aiuti senza nessuna condizione a patto che i gli aiuti vengano utilizzati per sostenere spese sanitarie legate appunto al Covid-19.

L’Italia in questa fase ha deciso di non attivare il Mes ma di rivolgersi al recovery fund.

Chi gestisce il Meccanismo Salva-Stati

Il Meccanismo di Stabilità Europea è gestito dal Consiglio dei Governatori formato dai Ministri delle Finanze dell’area euro, dal Consiglio di Amministrazione nominato dagli stessi Governatori, dal Direttore generale , dal commissario europeo agli affari economici-monetari e dal Presidente della BCE. Sia il commissario europeo agli affari economici-monetari e il Presidente della BCE non hanno diritto al voto ma hanno compiti solo di osservazione.

Come funziona il Mes

Sono tre le principali fasi con qui l’organizzazione interagisce con lo Stato che fa richiesta di aiuto.

  1. Lo Stato che è in difficoltà e desidera un auto dal Meccanismo Europeo di Stabilità invia la richiesta di assistenza al Presidente del Consiglio dei Governatori del fondo salva-Stati;
  2. la Commissione EU, su incarico del Mes, valuta lo stato di salute e le necessità finanziare dello Stato in crisi. In questa fase si analizza se la crisi dello Stato in questione può realmente mettere in difficoltà tutta l’area euro;
  3. dopo la valutazione il Consiglio dei Governatori decide se aiutare il paese in difficoltà attraverso prestiti.

La riforma del Mes

Negli ultimi anni un po’ tutti i paesi appartenenti al Mes hanno chiesto che venga rivisto il meccanismo che lo regola. Nel 2017 i vari paesi appartenenti al Meccanismo Europeo di Stabilità hanno iniziato a valutare e proporre dei cambiamenti ma fino ad ora tali proposte sono state ritenute troppo aspre e difficili da realizzare dagli stessi Governi nazionali.

Tra le proposte avanzate ci sono:

  • avere un deficit inferiore al 3% da almeno due anni
  • non essere in procedura d’inflazione
  • avere un rapporto debito /PIL sotto il 60% o in alternativa avere sperimentato una riduzione del rapporto debito /PIL di 1/20 negli ultimi due anni.

A causa dell’emergenza Coronavirus, il 17 marzo 2020, l’Euro gruppo ha rinviato tale riforma per dare priorità all’emergenza del Covid-19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *