Cosa serve per aprire una enoteca

enoteca vini sfusi

Cosa serve per aprire una enoteca

Le enoteche in Italia, soprattutto quelle in franchising stanno riscuotendo molto successo. Negli ultimi anni l’aumento, come numero di punti vendita, è cresciuto di oltre il 10% superando le 7000 unità. In aumento non sono però solo i dati riferiti al numero di punti vendita, ma anche quelli riferiti al fatturato delle singole enoteche. Dal 2012 ad oggi i fatturati medi delle singole enoteche sono aumentati di circa il 15% .

Aprire una enoteca non è complicato sopratutto se si decide di aprirla in franchising.

Esistono diversi franchisor nel settore delle enoteche. Aprire una enoteca in franchising può costare poco meno di 10.000 euro fino a raggiungere cifre ben più impegnative.

Con meno di 10.000 euro è possibile aprire una fantastica enoteca specializzata nelle vendita di vino sfuso già completa di arredamento e erogatori per la mescita del vino sfuso.

Vediamo ora quali documenti servono per poter avviare una enoteca

Cosa serve per aprire una enoteca

Per aprire una enoteca in franchising o per conto proprio è necessario :

  • avere la partita IVA
  • effettuare la comunicazione di inizio attività al proprio comune
  • iscriversi nel Registro delle Imprese
  • iscrizione INPS e INAIL
  • nulla osta sanitario da parte del’ ASL
  • nell’ipotesi di utilizzare musica in sottofondo è necessario pagare i diritti SIAE
  • permesso per installazione insegna del locale
  • POS per i pagamenti elettronici.

Indispensabile per avviare la propria enoteca è possedere i seguenti attestati:

  • corso SAB oppure aver un diploma alberghiero o in alternativa aver avuto negli ultimi 5 anni una esperienza di almeno due anni nel settore della somministrazione cibi e bevande
  • corso HACCP per ogni addetto impiegato nell’enoteca
  • nel caso ci sia almeno un dipendente è necessario aver frequentato un corso di sicurezza sul lavoro

Scegliere il locale giusto

Per aver successo con una enoteca c’è bisogno di un locale con certe caratteristiche che variano in funzione a ciò che si desidera fare. Nel caso il business principale sia la vendita di vino sfuso è bene posizionarsi su zone di forte passaggio veicolare e pedonale e con un parcheggio nelle immediate vicinanze. Da evitare in zone a traffico limitato o zone pedonali o locali senza parcheggio nelle immediate vicinanze. Nel caso il business sia più una wine-bar dove offrire aperitivi e calici di vino sarebbe ideale un locale in zona centrale magari con un ampio plateatico esterno al locale, vicino ad altri locali che attraggono persone.

Anche la metratura del locale varia in funzione di ciò che si desidera fare, una enoteca specializzata nella vendita di vino sfuso basta un locale di 30 mq, più grande nel caso si opti per una vineria con per la vendita di calici o aperitivi.

Quanto costa aprire una enoteca in franchising

Il costo per aprire una enoteca in franchising può variare dai 9000 in su fino a superare i 30.000 euro. Con 9000 euro è possibile aprire una enoteca per la mescita del vino sfuso, mentre con cifre più elevate si possono aprire in franchising delle enoteche specializzate sia nella vendita di vini in bottiglia sia nella degustazione degli stessi.

Se desideri aprire una fantastica enoteca vini sfusi in franchising compila il form sottostante

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *