Cosa è lo SPID

spid

Cosa è lo SPID

Lo SPID ( Sistema Pubblico di Identità Digitale) permette con una unica usurname e password di accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione quali Agenzia delle Entrate o INPS attraverso il proprio PC, tablet o smartphone. Può essere richiesto da tutti i cittadini italiani che abbiano compiuto almeno 18 anni ed è completamente gratuito.

Cosa fare per ottenere lo SPID

Scelto l’Identity provider si devono inserire i propri dati anagrafici e creare le credenziali SPID. Per terminare l’operazione occorre poi effettuare il riconoscimento secondo il sistema scelto attraverso il proprio Identity provider.

Le tempistiche per il rilascio dell’identità digitale variano in base al Identity provider scelto.

Cosa serve per ottenere lo SPID

La prima cosa da fare è quella di scegliere, tra quelli accreditati, l’Identity provider con cui effettuare la registrazione. Gli Identity provider forniscono diversi sistemi di registrazione (di persona, tramite webcam, tramite carta d’identità elettronica e altro) sia gratuiti che a pagamento. Nel sito dell’Agenzia per l’Italia digitale si possono trovare gli Identity provider accreditati con le relative specifiche.

Per fare la richiesta dello SPID occorre :

  • indirizzo mail
  • numero di cellulare che si utilizza abitualmente,
  • documento di identità valido ( carta di identità, passaporto, patente)
  • tessera sanitaria con il codice fiscale

Chi può richiedere lo SPID

Può essere richiesto da tutti i cittadini italiani, anche se residenti all’estero purché abbiano compiuto i 18 anni

Quanto costa lo SPID

E’ totalmente gratuito. Alcuni Identity provider, per particolari sistemi di riconoscimento, come ad esempio il riconoscimento webcam richiedono un importo.

Livelli di sicurezza delle credenziali SPID

Esistono tre diversi livelli di sicurezza delle credenziali.

Il primo livello consente di accedere ai servizi online solo con nome utente e una password scelti dal cliente.

Il secondo livello permette di accedere a servizi che riguardano un grado maggiore di sicurezza. In questo caso per accedere ai servizi è necessario, oltre al nome utente e alla password, avere un codice temporaneo di accesso generato dal sistema o l’uso di una applicazione da utilizzare tramite un dispositivo come lo smartphone o un tablet.

Il terzo livello di sicurezza prevede oltre al nome utente e alla password l’utilizzo di un supporto fisico come ad esempio una smart card.

Utilizzo dati personali

Gli identity provider non potranno, per nessun motivo, utilizzare i dati personali per scopi commerciali, né tanto meno cederli a terze persone senza il consenso dell’utente stesso. Al momento della registrazione l’identity provider scelto, deve tenere ben distinti i dati obbligatori utili per la registrazione da quelli facoltativi e pertanto non obbligatori. E’ compito dell’Agenzia per l’Italia digitale in collaborazione con il Garante della Privacy vigilare sul rispetto delle regole inerenti la tutela della privacy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *