Contributi previdenziali: cosa sono e a quanto ammontano?

contributi-previdenziali

Contributi previdenziali: cosa sono e a quanto ammontano?

I contributi previdenziali sono dei versamenti effettuati a favore dell’ente previdenziale che determinano la pensione. A secondo dei contributi versati viene determinato l’importo che si percepirà quando si andrà in pensione.

Esistono ben 5 tipologie di contribuiti :

  • obbligatori
  • volontari
  • figurativi
  • da ricongiunzione
  • da riscatto.

Contributi obbligatori

I contributi volontari sono quelli che devono essere versati per tutto il periodo lavorativo. Nel caso di lavoratore dipendente vengono versati in parte dal datore di lavoro e in parte dal lavoratore stesso. I lavoratori autonomi con partita IVA e i liberi professionisti versano direttamente l’intero importo.

Contributi volontari

Questo tipo di contributi vengono versati dal lavoratore su sua iniziativa, e servono per raggiungere il numero di anni di contribuzione utili per ottenere la pensione, nel caso non si abbia più un lavoro, o per aumentare l’importo della futura pensione. Per poterli versare occorre ottenere l’autorizzazione dall’ente previdenziale. Per poter essere autorizzati a versare i contributi volontari occorre rispettare almeno uno dei seguenti requisiti:

  • 5 anni di contributi versati nell’arco della vita lavorativa
  • 3 anni di contributi versati nell’arco temporale di 5 anni antecedenti la domanda
  • 1 anno di contributi nei 5 anni prima della domanda. Questa condizione è valida solo per i lavoratori stagionali, temporanei o parasubordinati.

Non possono effettuare i versamenti volontari :

  • lavoratori autonomi o liberi professionisti ancora in attività
  • chi è titolare di pensione
  • lavoratori dipendenti iscritti all’INPS o ad altre forme di previdenza obbligatorie

Contributi figurativi

In questa categoria rientrano quei contributi versati direttamente dall’ente di previdenza nei casi in cui il lavoratore sia impossibilitato a lavorare. L’ente previdenziale è obbligata a versare i contributi nei casi di:

  • maternità
  • malattia
  • disoccupazione indennizzata
  • cassa integrazione
  • mobilità
  • contratti di solidarietà
  • periodi dove di godono di prestazioni di invalidità
  • part-time agevolato.

Nei seguenti casi invece, i contributi vengono versati solo su richiesta esplicita del lavoratore :

  • servizio militare o servizio civile
  • assenza per donazione del sangue
  • aspettativa legata a incarichi elettivi o sindacali
  • congedi parentali
  • congedo per maternità e paternità
  • assenza per malattia di un figlio
  • assistenza ad un disabile.

Contributi da ricongiunzione

Esistono inoltre dei contributi chiamati da ricongiunzione che consentono di mettere assieme tutti i versamenti effettuati nella vita lavorativa alle diverse gestioni di previdenza. Il lavoratore che ne ha diritto, pagando un importo, può chiedere la ricongiunzione di tutti i versamenti eseguiti ai vari enti previdenziali ad un unico ente previdenziale. Non è possibile effettuare la ricongiunzione ad altra gestione i versamenti fatti nella gestione separata e viceversa. In questo caso, alternative alla ricongiunzione possono essere il cumulo, la totalizzazione e il computo.

La domanda di ricongiunzione deve essere presentata alla gestione di previdenza presso la quale di desidera ricongiungere tutti i versamenti dei contributi effettuati in altre gestioni.

Contributi da riscatto

Questi contributi sono versati su base volontaria dal lavoratore e servono per coprire i periodi nei quali non c’era l’obbligo di contribuzione, come ad esempio il tempo per conseguire la laurea. Per ottenere il riscatto della laurea occorre aver conseguito la laurea entro i termini.

Non sono riscattabili :

  • gli anni fuori corso
  • corsi post-laurea
  • gli anni in cui si è frequentato l’università ma senza ottenere la laurea
  • gli anni per conseguire una seconda laurea.

Dal 2008 il riscatto può essere richiesto anche da chi non ha ancora iniziato a lavorare

E’ possibile inoltre il riscatto degli anni per corsi di studio se tali corsi sono stati indispensabili per l’assunzione e la carriera del lavoratore

Come vengono calcolati i contributi previdenziali

I contributi previdenziali vengono fissati anno per anno dall’ente di previdenza a cui si è iscritti e calcolati in percentuale sulla base dello stipendio del lavoratore.

Queste aliquote contributive vengono applicate sulla retribuzione annua lorda per i lavoratori dipendenti e suddivise in quote identiche in base alle mensilità di retribuzione prevista. Per i lavoratori con partita IVA le aliquote contributive vengono calcolate sul reddito lordo . Il versamento avviene in quattro rate; entro il 16 maggio, il 16 agosto, il 16 novembre e il 16 febbraio dell’anno successivo.

Per i lavoratori domestici i contributi sono calcolati in base alla effettiva retribuzione oraria e per tutte le ore affettivamente lavorate o per i periodi in quali il lavoratore domestico si è assentato per malattia, maternità o altre situazioni similari. Le scadenze per effettuare i versamenti dei contributi ai lavoratori domestici sono entro:

  • aprile il giorno 10
  • luglio il giorno 10
  • ottobre il giorno 10
  • gennaio il giorno 10 dell’anno successivo.

Lavoratori parasubordinati come ad esempio i venditori a domicilio, lavoratori autonomi occasionali con reddito superiore ai 5000 euro, collaboratori occasionali, con contratto a progetto hanno l’obbligo all’iscrizione alla gestione separata e sono obbligati a versare i contributi in percentuale al reddito percepito dalla attività svolta. Per questa tipologia di lavoratori i contributi sono a carico sia del lavoratore che del datore di lavoro ma sono versati interamente del datore di lavoro.

A quanto ammontano i contributi previdenziali

L’importo da versare relativo ai contributi previdenziale non è eguale per tutti. In linea teorica i contributi previdenziali sono circa il 33% della retribuzione lorda e sono versati per un terzo dal lavoratore e per i restanti 2 terzi dal datore di lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *