Che cos’è il bonus verde

bonus verde

Che cos’è il bonus verde

Tra i vari bonus che lo Stato ha istituito, il bonus verde, noto anche come bonus giardini è uno di questi.

E’ stato introdotto nel 2018 ( articolo 1, comma 12 della Legge n. 205 del 2017) e prorogato nel corso degli anni.

Attualmente la proroga è valida per tutto il 2021 (Articolo 1, comma 76 della Legge n. 178/2020 Proroga 2021).

Il bonus verde permette una detrazione IRPEF del 36% sulle spese sostenute per interventi riguardanti il verde di privati cittadini.

Cos’è il bonus verde

Il bonus giardini è una detrazione IRPEF del 36% riguardante le spese sostenute nel 2020 e 2021 per gli interventi inerenti a:

  • sistemazione di aree verdi scoperte di privati cittadini
  • sistemazione di aree verdi scoperte di privati cittadini

Rientrano nella detrazione del 36% le spese di progettazione, manutenzione, trasformazione del cortile in giardino, realizzazione di impianti di irrigazione, creazione di pozzi.

Quali spese non rientrano nel bonus giardini

Non rientrano tra le spese che si possono detrarre quelle inerenti:

  • gli interventi eseguiti con il fai da te,
  • operazioni di manutenzione ordinaria come la potatura delle piante
  • cambio della recinzione esterna
  • l’acquisto di vasi per balconi
  • opere eseguite su locali non abitativi come ad esempio uffici, negozi, aziende
  • interventi su immobili in costruzione.

La detrazione va suddivisa in 10 quote annuali di pari importo e va calcolata sulle spese sostenute entro un massimo di 5.000 euro per ogni unità immobiliare ad uso abitativo.

Il pagamento delle spese deve essere fatto con strumenti che permettono la tracciabilità dei pagamenti come ad esempio bancomat, carta di credito, bonifico ecc.

Qual’è la detrazione massima per il bonus verde

La detrazione massima è di 1800 euro ossia il 36% di 5.000 euro

Il bonus verde spetta per gli interventi eseguiti su aree esterne sia di privati che di edifici condominiali fino ad un importo massimo di 5.000 euro. Nel caso di aree condominiali tale importo si riferisce per ogni condomino.

Chi può usufruire del bonus giardini

Possono usufruire del bonus verde tutti i contribuenti che possiedono o detengono un immobile sul quale siano stati effettuati degli interventi al verde e che abbiano sostenuto delle spese. La detrazione non spetta nei casi di spese sostenute per manutenzione ordinaria e per i lavori in economia.

Quali sono le condizioni per la detrazione

Per ogni unità immobiliare ad uso abitativo spetta una detrazione con un limite di spesa di 5000 euro complessivi, suddivisa anche in più interventi effettuati nel corso dell’anno.

Vediamo ora alcuni casi particolari

  • giardino sia privato che condominiale, in questo caso i limiti di spesa sono per due e sono di 5000 euro ciascuno
  • per gli interventi inerenti un’area verde condominiale la detrazione tocca al ogni singolo condomino nelle limite di quota a lui imputabile in base ai millesimi di proprietà
  • in caso di vendita, donazione o permuta dell’immobile, la detrazione non utilizzata in tutto o in parte può essere trasferita per il rimanente periodo di imposta al nuovo proprietario dell’immobile. Le parti possono accordarsi tra di loro per l’utilizzo delle residuo rate da parte del venditore. In questo caso è obbligatorio che tale accordo sia scritto, annotato nel rogito o tramite una scrittura privata
  • se l’intervento è riferito ad un immobile adibito sia per uno abitativo che ufficio o attività commerciale, la detrazione viene ridotta del 50%
  • in caso di successione la detrazione passa all’erede.

Perché la detrazione sia valida è necessario che il pagamento delle fatture dei lavori avvenga tramite mezzi di pagamento tracciabili. In caso di pagamento in contanti si viene esclusi dalla detrazione.

Come si ottiene la detrazione bonus giardini

Per usufruire della detrazione del 36% su una spesa massima di 5000 euro e necessario conservare le fatture dell’azienda che ha eseguito i lavori, la documentazione dei pagamenti tracciabili effettuati e allegare il tutto alla dichiarazione dei redditi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *