Come si crea un franchising.

La creazione di un franchising è un’ operazione piuttosto complessa che richiede preparazione e tempi piuttosto lunghi.

Per evitare brutte sorprese una volta avviato il tutto, diventa fondamentale che il progetto iniziale segua una schema ben preciso suddiviso in 4 fasi.

1a fase: studio fattibilità del progetto di franchising.

In questa fase bisogna verificare quali potranno essere i costi iniziali per lanciare sul mercato il progetto franchising e capire se l’azienda è in grado d sopportare tali costi. Sempre in questa fase occorre analizzare il mercato di riferimento cercando di capire come sarà recepito dai clienti il prodotto o servizio offerto, quali saranno i potenziali affiliati, quali sono i concorrenti. Da non trascurare l’immagine. Un buon logo abbinato ad un nome facile da ricordare e da un’immagine del negozio accattivante può aiutare ad avere successo.

Nella fase dello studio di fattibilità occorre definire quali saranno i rapporti con gli affiliati, quali saranno le royalties, il diritto d’entrata o fee d’ingresso, eventuali oneri per la formazione e il contributo per la pubblicità. Con questi dati in mano si andrà poi da un avvocato per la stesura del contratto di affiliazione e da un commercialista (se non si è in grado di farlo da soli) per avere un conto economico previsionale.

2a fase: sperimentazione e monitoraggio del punto pilota.

Prima di lanciare sul mercato il proprio progetto franchising occorre testarlo direttamente presso il punto pilota di proprietà. Il franchisor deve aver sperimentato di persona il proprio format e solo dopo aver raccolto tutti i dati ed effettuato eventuali correzioni potrà lanciare sul mercato il proprio franchising.

3a fase: la creazione del know-how.

Uno degli elementi fondamentali per diventare un franchisor è il know-how che dovrà essere trasmesso agli affiliati. La trasmissione del know-how all’affiliato avviene tramite la formazione pre-apertura e attraverso il manuale operativo.

Dopo essersi impegnati nelle precedenti fasi e aver svolto tutto con estrema diligenza ci si deve ora concentrare sull’organizzazione. Servirà un responsabile dello sviluppo, un responsabile della gestione della rete, un responsabile della formazione, un responsabile di area oltre che altre figure come lo specialista web.

Per maggiori informazioni scrivi a mircobeggiato@ideefranchising.net

,,,,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *