Scegliere il giusto locale

E’ meglio un locale in una strada piena di traffico ma con un elevato canone di affitto oppure un negozio in una zona semi-periferica o in un paese ma con un canone d’affitto più basso?

Dipende dall’attività che si vuole fare. Ad esempio una rivendita di vini sfusi, salvo casi particolari ha bisogno di essere posizionata in zona di un quartiere popolato e con possibilità di avere dei parcheggi vicini. Diverso il discorso se vogliamo aprire un negozio di abbigliamento o calzature, in questo caso è consigliabile individuare un locale nel centro della città. Ovviamente dipende sempre dalle possibilità economiche che si hanno. Prima di prendere una decisione occorre informarsi se la zona in questione subirà delle modifiche della viabilità o altro.

Per decidere al meglio i vari franchisor ci vengono incontro indicandoci qual’è il bacino d’utenza ideale per l’attività che dobbiamo proporre e la metratura ideale, e dopo aver individuato il locale che per noi sembra perfetto ci danno il loro parere se può funzionare o no.

A volte può succedere che l’aspirante affiliato sia già proprietario di un immobile che può essere benissimo destinato alle attività di vendita. In questo caso, non è detto che il franchisor sia subito disposto a far entrare l’aspirante affiliato nella propria rete.

Il negozio individuato deve infatti, deve possedere determinati requisiti e, soprattutto, deve avere un bacino di utenza in linea con quello richiesto dalle politiche di marketing del gruppo.

E’ difficile e sconveniente riuscire ad aprire un punto-vendita in franchising in un piccolo paese o in una minuscola cittadina di poche migliaia di abitanti, sperduta in qualche angolo della Penisola (a meno che non sia vicina e ben collegata ad altre zone circostanti, molto più popolate).

Oltre al bacino d’utenza un’altro parametro che i franchisor ci danno è legato alla grandezza del locale. La superficie richiesta dai franchisor per l’apertura del negozio dipende dal tipo di attività che si vuole avviare. La maggior parte dei brand richiedono un locale di 70-80mq.

Se da una parte abbiamo il franchsior che ci impongono dei parametri da rispettare, dall’altra dobbiamo trovare un locale con un affitto moderato che ci permetta di poterlo onorare tutti i mesi senza problemi.

Il canone d’ affitto,non deve essere sproporzionato rispetto al potenziale fatturato del negozio. Per effettuare una stima sul futuro rapporto tra i ricavi e le spese di locazione, l’aspirante affiliato può analizzare nel dettaglio il giro d’affari degli altri negozi che appartengono alla stessa rete. Tuttavia l’aspirante affiliato deve avere un minimo di accortezza nel leggere i dati e non farsi troppe illusioni sulla possibilità di realizzare in tempi brevi lo stesso giro d’affari dei colleghi. Per riuscirci, infatti, ci vogliono spesso tanti sacrifici, molto tempo e parecchie energie. Occorre fare molta attenzione anche ai dati che ci forniscono i vari brand, alcuni, che per attirare più affiliati possibile, promettono mari e monti e sono sempre disponibili ad attirare nuovi affiliati, senza effettuare un’attenta valutazione delle loro reali possibilità di successo.

,,,,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *