Se il lavoro non si trova…

Se il lavoro non si trova e si sta valutando l’idea di mettersi in proprio magari sfruttando l’esperienza e il know-how di un franchising è bene sapere che anche nel scegliere il franchisor giusto è un’operazione complessa. La prima cosa da fare è capire quali siano le nostre reali capacità, quale tipologia di lavoro è adatto alle nostre caratteristiche, quanto possiamo investire e soprattutto dove il mercato si sta indirizzando. Non farsi influenzare da “facili” guadagni. Tra tutti i settori individuarne almeno tre che più si adicono alle nostre caratteristiche. Fare una tabella dove scrivere i pro e i contro per ognuno dei tre settori che abbiamo individuato.

Es. di tabella per la scelta del settore

settore

pro

contro

Agenzia matrimoniale

  • Basso investimento iniziale

  • Bassi costi di gestione

  • Royalties mensili

  • Non idoneo alle mie caratteristiche

  • Settore dove non ho esperienza

Negozio abbigliamento

  • Settore in crescita

  • Merce in conto vendita

  • No royalties

  • Molta concorrenza

  • Costi elevati per arredamenti

  • Serve personale

  • Costi elevati per affitto locale

Enoteca vini sfusi

  • Settore in crescita

  • Poca concorrenza

  • Basso investimento iniziale

  • Bassi costi di gestione

  • No royalties

  • Settore dove non ho esperienza

  • Basso margine di guadagno

  • Occorre essere in possesso dell’attestato Haccp

A questo punto scegliere quale tra i tre settori è più consono alle nostre aspettative. Individuato il settore si passa alla seconda fase. Quella di scegliere chi tra i vari franchisor che operano nel settore che abbiamo individuato come quello più idoneo per noi, ci da più fiducia. Anche in questo caso non farsi attrarre dai facili guadagni. Molti promettono che con poco si possono ottenere fantastici ricavi. Purtroppo la realtà non è questa. Solo con tanto impegno, lavoro e costanza è possibile ottenere dei buoni risultati economici. In internet è possibile reperire molte informazioni sui franchisor grazie ai vari portali che trattano di franchising. Questi portali sono delle vetrine dove alcuni marchi espongono il loro progetto e dove è possibile reperire le informazioni base.

Conviene sempre dare un’occhiata anche al sito del franchisor.

Diffidare di quei marchi che hanno un sito “fai da te” o addirittura non c’è l’hanno. Molto probabilmente sono aziende con poca professionalità. Anche in questo caso occorre fare una tabella dei vari franchisor dove andranno riportati : il fee d’ingresso, l’investimento totale, le royalties, il numero di affiliati, da quanti anni è attivo il marchio, durata del contratto e altri dati che ci possono interessare. Eliminare quei marchi che propongono il franchising ad un investimento superiore alle nostre capacità d’investimento.

Ottimo sarebbe andare a far visita ai negozi presenti nella nostra zona delle catene che abbiamo individuato e magari riuscire a scambiare quattro chiacchiere con il proprietario del negozio. Siamo arrivati ora a dover fare una prima selezione dei franchisor e tra tutti quelli individuati sceglierne tre. Contattare le tre aziende per richiedere maggiori informazioni, meglio se si riesce ad andare in sede e a fare il colloquio di persona. Anche se sembra una perdita di tempo e di soldi invece è molto utile. Solo in questo modo riusciamo a vedere se l’azienda si presenta bene e se esiste veramente. Molto importante è presentarsi al colloquio con le idee ben chiare su cosa vogliamo sapere. Proprio per questo motivo è opportuno prepararsi a casa una serie di domande che riteniamo utili per capire il progetto che ci viene proposto che poi faremmo al nostro interlocutore.

Alcune domande possono essere :

  • Il registratore di cassa è fornito dal franchisor od occorre acquistarlo?

  • Software gestionale è compreso nel fee d’ingresso od bisogna acquistarlo?

  • Pc, stampanti sono compresi o no?

  • Ci sono ordini o fatturati minimi da fare?

  • Ci sono contributi pubblicitari da versare ?

Rapportate i pro e i contro per ognuna delle tre diverse catene di franchising che abbiamo scelto. A questo punto siamo arrivati alla fase finale. Scegliere chi sarà il partner per la nostra nuova azienda. Con tutti i dati che abbiamo analizzato non dovremmo avere grosse difficoltà a scegliere il franchisor che più si addice a noi.
Anche se è un lungo e noioso lavoro, ne vale la pena. Solo in questo modo possiamo fare la giusta scelta senza essere influenzati da fattori esterni o dalla frenesia di dover partire con la nuova attività subito e a tutti i costi.

Per maggiori info scrivi a blog@ideefranchising.net

,,,,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *