Franchising, ma quanto mi costi?

Franchising, ma quanto costi realmente? E’ una domanda che dobbiamo porci tutti prima di decidere di avviare un’attività in franchising.

I costi di apertura non sono solo quelli riferiti al fee d’ingresso, all’arredamento e all’acquisto delle merci ma sono molti di più ed è bene redigere un buon piano dei costi prima di prendere la decisione finale. Sono comunque costi che dovremmo sostenere ugualmente anche se decidessimo di aprire per conto nostro senza aderire a nessun franchising.

Vediamo ora quali possono essere questi costi iniziali.

  1. provvigione alla agenzia immobiliare che ha trovato il locale. Di solito chiede una mensilità
  2. tre mensilità da dare come cauzione al proprietario dell’immobile più una per l’affitto anticipato
  3. allacciamenti varie utenze
  4. spese per apertura partita iva
  5. spese commercialista per le pratiche dell’avvio dell’attività
  6. spese legali per la consulenza sul contratto
  7. eventuali spese per le opere di sistemazione del locale
  8. SIAE nel caso si decida di tenere una radio o tv nel negozio
  9. impianto d’allarme ed eventuale contratto con la vigilanza
  10. eventuali spese condominiali
  11. varie tasse comunali, ad esempio per l’insegna, per la vetrofania, o per l’utilizzo del suolo pubblico
  12. spese pubblicità
  13. costi per l’istruttoria della pratica nel caso si decida di chiedere un prestito alla banca
  14. costi per la gestione della pratica nel caso si decida di chiedere dei finanziamenti pubblici
  15. pc ,software , registratore di cassa nel caso non siano forniti del franchisor

Tutti questi costi vanno incidere di molto sull’investimento che si deve fare e per non trovarsi a corto di liquidità fin da subito, è assolutamente opportuno valutare con attenzione tutte queste spese, facendosi aiutare dal proprio commercialista.

Oltre a questi costi dobbiamo aggiungere il fee d’ingresso, l’acquisto della merce e l’arredamento. I settori dove costa meno aprire un’attività sono quelli e legati ai servizi in quanto non richiedono l’acquisto della merce e l’arredamento di solito è composto da una scrivania e alcune sedie. Nel settore dei servizi l’offerta è ampia.

Idee franchising :

  • agenzie matrimoniali
  • agenzie infortunistica stradale e risarcimento danni
  • agenzie servizi postali
  • agenzie recupero crediti
  • agenzie immobiliari
  • agenzie di assistenza famigliare
  • agenzie pubblicitarie e marketing
  • altre

L’investimento per questo tipologia di attività parte da qualche migliaio di euro. I più costosi superano di poco i 20.000€

Ventimila euro è invece la base di partenza per chi decide di avviare un’attività nel settore della ristorazione. Settore che offre innumerevoli proposte sia in base alla tipologia di prodotti offerti sia in base all’investimento fatto.

Nel settore della ristorazione è possibile aprire una:

  • piadineria
  • tigelleria
  • gelateria
  • enoteca
  • fast food
  • friggitoria
  • ristoranti per vegetariani
  • hambuegheria
  • paninoteca
  • pizzerie
  • pizzerie da asporto
  • keb bab
  • yogurterie
  • cioccolaterie
  • ecc

 

,,,,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *