Come scegliere il giusto franchising

Come scegliere il giusto franchising?

L’offerta nel mercato del franchising, oggi, è molto ampia e spazia in tutti i settori. Si può scegliere di aprire nel settore dei servizi ( agenzie matrimoniali, immobiliari, infortunistica stradale, poste private, ecc.), nel settore della distribuzione (negozi di abbigliamento, scarpe, bigiotteria, profumi, ecc), nel settore della ristorazione ( piadinerie, pizzerie, paninoteche, take away , friggitorie ecc.) o nel settore web (vendita prodotti online ).

Per scegliere il giusto franchising è fondamentale capire sin da subito quali siano le nostre attitudini e capacità , a che cosa siamo più predisposti a fare e sopratutto a quanto possiamo investire. E’ inutile concentrasi su un franchising che richiede un investimento al di sopra delle disponibilità economiche a nostra disposizione.
Per poter scegliere al meglio il franchisor giusto è necessario che si cerchi di reperire più informazioni possibili sulla casa madre alla quale ci si intende affiliarsi.

Occorre concentrarsi su :

Anni di attività: Se il franchsior è da molti anni che opera nel settore specifico significa che sta offrendo un prodotto già testato e accettato dal pubblico. Inoltre maggiore è l’anzianità del franchisor e maggiore sarà il know-how che potrà trasmettrci.

Numero di affiliati: più sono gli affiliati attivi più è probabile che l’attività abbia successo. Verificare anche quanti affiliati hanno chiuso negli ultimi anni.

Notorietà del Marchio: Più il marchio è conosciuto e più aumentano le possibilità di successo.

Analisi dei Bilanci: mediante una attenta analisi dei bilanci, infatti la legge sul franchising prevede che il franchisor fornisca al potenziale affiliato, dietro sua richiesta, i bilanci degli ultimi 3 

anni, anche prima di aver sottoscritto il contratto di franchising, l’affiliato può verificare 

e valutare la serietà, l’attendibilità e il rischio dell’investimento. 

Contratto: il contratto deve essere consegnato all’affiliato almeno 30 giorni prima della firma del contratto. E’ bene portare una copia del contratto al proprio legale per valutare assieme a lui tutte le clausole che lo compongono

 

,,,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *